Blog

Parlamento Europeo

Conferenza di alto livello al Parlamento Europeo sui fenomeni migratori e il diritto di asilo, alla vigilia del Consiglio Europeo sul tema. L'intervento di Benifei

Strasburgo, seduta del Parlamento Europeo del 14 febbraio 2017

Signor Presidente, onorevoli colleghi, l'analisi annuale della crescita del 2017 continua a dipingere una situazione estremamente cupa per quanto riguarda i suoi aspetti sociali e occupazionali. In particolare, al netto di una sempre debole crescita, i livelli occupazionali, l'indebolimento dei salari e la crescente povertà lavorativa costituiscono un problema ormai protratto nel tempo.

Strasburgo, seduta del Parlamento Europeo del 14 febbraio 2017

Signor Presidente, onorevoli colleghi, è necessario condannare nuovamente la politica del governo di Netanyahu sugli insediamenti, culminata con l'approvazione da parte della Knesset della legge sulla regolarizzazione retroattiva di migliaia di essi. Ciò in spregio alla risoluzione 2334 del Consiglio di sicurezza dell’ONU e in spregio alle condanne internazionali, tra cui la nostra. La soluzione a due Stati non è mai stata così a rischio come oggi. Dobbiamo dunque intervenire come Unione, assieme alla comunità internazionale, su quello che ormai si può considerare un processo di annessione della Cisgiordania, come apertamente affermato da alcuni esponenti della destra israeliana.

Strasburgo, seduta plenaria del Parlamento Europeo del 14 dicembre 2016

 

Signora Presidente, onorevoli colleghi, con i colleghi del gruppo dei Socialisti e democratici abbiamo recentemente inviato una lettera ai tre presidenti, Juncker, Dijsselbloem e Draghi, sulla questione della contrattazione collettiva in Grecia, a seguito della messa in atto del memorandum. Una situazione assolutamente spiacevole, che di fatto ha costretto il governo greco a decentralizzare svuotando di valore il sistema di contrattazioni collettive nel paese.

Strasburgo, seduta plenaria del Parlamento Europeo del 13 dicembre 2016

Signor Presidente, onorevoli colleghi, oggi si conclude il lungo lavoro portato avanti in questi ultimi anni dal Parlamento europeo, in stretta collaborazione con l'Organizzazione internazionale del lavoro, per estendere l'accordo di partenariato e cooperazione con l'Uzbekistan al commercio dei prodotti tessili.
Sono orgoglioso di aver seguito per il gruppo S&D in commissione esteri quello che possiamo considerare un caso positivo di cooperazione tra Unione europea e un paese terzo, per quanto riguarda l'affermazione dei diritti umani attraverso la nostra politica commerciale. Grazie alle pressioni del Parlamento europeo, con la graduale apertura delle autorità uzbeke a partire dal 2013, infatti, il grave problema del lavoro minorile è stato sostanzialmente eliminato in relativamente poco tempo, mentre significativi passi in avanti, anche se non ancora sufficienti, sono stati compiuti contro il ricorso al lavoro forzato.