Stampa

Strasburgo, seduta del Parlamento Europeo del 14 febbraio 2017

Signor Presidente, onorevoli colleghi, l'analisi annuale della crescita del 2017 continua a dipingere una situazione estremamente cupa per quanto riguarda i suoi aspetti sociali e occupazionali. In particolare, al netto di una sempre debole crescita, i livelli occupazionali, l'indebolimento dei salari e la crescente povertà lavorativa costituiscono un problema ormai protratto nel tempo.

In questo contesto diventa essenziale un’accelerata sulle politiche sociali comunitarie, esemplarmente delineate nella relazione che questo Parlamento ha adottato giusto il mese scorso sul pilastro dei diritti sociali. L'unica vera riforma strutturale di cui abbiamo urgentemente bisogno è la creazione di una vera Europa sociale.

A pochi mesi di distanza dalle celebrazioni dei sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma e a poche ore dal voto in Aula su relazioni importanti sul futuro dell'Unione, dobbiamo ottenere l'obiettivo di un'Europa più equa come priorità assoluta, ritrovando lo spirito dei padri fondatori e lavorando insieme.